CANARINA:

Principale

Aria

Acqua

Suono

Elettromagnetici

Che siamo noi?

Testimonianze

Domande

Contatto

DEMO

Giornali

Mondo

 

DESCAR:

DESCAR

Applicazioni

Vantaggi

Importazione

Algoritmi

Dati I

Dati II

Media

Funzioni

Grafica I

Grafica II

Google maps

Di lavoro con SIG

Termoclino

 

Wikipedia:

Inquinamento I

Inquinamento II Inquinamento III Inquinamento IV

Inquinamento V Inquinamento VI Inquinamento VII

Inquinamento VIII

Inquinamento IX

Inquinamento X

Inquinamento XI

 

 

 

 

 

 

 

 

Inquinamento idrico IX

        

 

L'aspetto idraulico

Ovviamente, una rete fognaria, a seconda che sia di tipo misto o separato, richiede un diverso approccio progettuale. Infatti mentre nel primo caso occorre tenere conto sia dei reflui addotti alla rete dalle varie utenze, civili e non che siano, sia delle precipitazioni che possono verificarsi nella regione considerata, nel caso di fognature separate questi due aspetti vanno considerati separatamente. Più precisamente il progettista è chiamato a fornire una stima della portata che la fognatura è chiamata a smaltire. I parametri che più interessano per un corretto dimensionamento sono il valore medio e quello massimo di tale portata.

In genere la condotta fognaria va dimensionata sulla base della portata media in base alla quale vengono disegnate le sezioni nel rispetto dei parametri di velocità ammissibili durante il funzionamento "a regime", ma deve essere in grado di smaltire senza problemi anche quella massima senza tracimare dai pozzetti intercalati lungo il percorso. In questo caso si ammette che possano essere superate, per brevi periodi, le velocità consigliate, ammissibili per quel tronco fognario. È per questo motivo che soprattutto nei centri abitati di dimensioni medio-grandi o in aree interessate da frequenti allagamenti o da eventi meteorici di dimensioni eccezionali si sceglie in via preferenziale la soluzione a reti separate. In tal modo si evita di sovradimensionare inutilmente la rete ordinaria durante il funzionamenti per gli usi "civili" e si crea una rete dedicata per sopperire agli inconvenienti legati ad eventi meteorici gravosi per le città.